La Uil Caudina informa: incentivi in caso di utilizzo/assunzione di lavoratori disabili.

Il Ministero del Lavoro, con l’interpello n. 23 del 30 dicembre 2016, ha chiarito che gli incentivi di natura economica, in caso di assunzione di lavoratori disabili[1] vengono fruiti anche dall’utilizzatore qualora il disabile sia stato somministrato da una Agenzia per il Lavoro.
In base a questa precisazione, è il caso di evidenziare gli incentivi previsti in caso di assunzione di lavoratori disabili:
TIPO DI ASSUNZIONE DISABILITÀ INCENTIVO DURATA DELL’INCENTIVO
Tempo indeterminato anche in somministrazione riduzione della capacità lavorativa superiore al 79% 70% della retribuzione mensile lorda imponibile ai fini previdenziali 36 MESI
Tempo indeterminato anche in somministrazione minorazioni ascritte dalla 1^ alla 3^ categoria di cui alle tabelle annesse al TU delle norme in materia di pensioni di guerra, approvato con DPR 915/1978 e ss.mm. 70% della retribuzione mensile lorda imponibile ai fini previdenziali 36 MESI
Tempo indeterminato anche in somministrazione riduzione della capacità lavorativa compresa tra il 67% e il 79% 35% della retribuzione mensile lorda imponibile ai fini previdenziali 36 MESI
Tempo indeterminato anche in somministrazione minorazioni ascritte dalla 4^ alla 6^ categoria di cui alle tabelle annesse al TU delle norme in materia di pensioni di guerra, approvato con DPR 915/1978 e ss.mm. 35% della retribuzione mensile lorda imponibile ai fini previdenziali 36 MESI
Tempo indeterminato anche in somministrazione disabilità intellettiva e psichica che comporti una riduzione della capacità lavorativa superiore al 45% 70% della retribuzione mensile lorda imponibile ai fini previdenziali 60 MESI
Tempo determinato almeno di 12 mesi anche in somministrazione disabilità intellettiva e psichica che comporti una riduzione della capacità lavorativa superiore al 45% 70% della retribuzione mensile lorda imponibile ai fini previdenziali per tutta la durata del contratto
L’incentivo è corrisposto al datore di lavoro mediante conguaglio nelle denunce contributive mensili.
In definitiva, in virtù di quanto previsto dall’art. 31 del D.L.vo n. 150/2015, in caso di somministrazione di lavoratori disabili, i benefici economici legati all’assunzione o alla trasformazione di un contratto di lavoro sono trasferiti in capo all’utilizzatore e, in caso di incentivo soggetto al regime de minimis, il beneficio viene computato in capo all’utilizzatore. Inoltre, per missioni di durata non inferiore a 12 mesi, il lavoratore somministrato è computato nella quota di riserva di cui all’articolo 3 della Legge n. 68/1999[2].

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.