L’Avellino a Perugia deve tornare a sorridere.

L’Avellino dovrà cercare di ritrovarsi e continuerà ad allenarsi in città. All’ombra del Partenio, Castaldo e compagni devono ritrovare la condizione fisica perduta e liberare la mente da ogni condizionamento. Un momento difficile quello che attraversano i biancoverdi e il calendario non fa certamente sconti visto che in programma c’è la difficile trasferta al Renato Curi contro il Perugia. La sfida contro gli umbri potrebbe rappresentare una svolta per la compagine biancoverde. Marcolin ha potuto constatare che la squadra ha risposto meglio con il modulo 4-3-1-2, che era quello preferito dal suo predecessore Tesser. I lupi a causa delle ultime sconfitte, sono infatti riusciti a complicarsi la vita e ora il calendario non aiuta. Se fino ad un mese fa, dopo la spettacolare vittoria in rimonta con l’Ascoli, si parlava apertamente di play off, ora il quadro si è capovolto, e l’obiettivo è conquistare al piu’ presto possibile i punti necessari per la salvezza. L’Avellino attualmente è al dodicesimo posto con sei punti di vantaggio sul Vicenza, quint’ultimo, posizione in cui si disputano i playout con la quart’ultima, attualmente il Modena a 36 punti. Subito dietro Salernitana e Livorno a quota 35 e 33, mentre il como appare ormai spacciato. Un vantaggio quindi ancora rassicurante per l’Avellino, ma il calendario dei lupi non è affatto agevole. Per questo occorre subito voltare pagina a cominciare dalla sfida con gli umbri anche perchè un nuovo passo falso potrebbe davvero avviare l’Avellino verso una crisi dai risvolti imprevedibili.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*