L’Avellino valuta il mercato in uscita, Sbaffo resta.

Dopo i colpi messi a segno in entrata, per l’Avellino ora è il momento di cominciare a sfoltire la rosa. Diversi elementi non rientrano nei piani tecnici di Mimmo Toscano e quindi lasceranno l’Irpinia. Ma non mancano anche le novità. La partenza di Alessandro Sbaffo non è più un dato certo, almeno per il momento visto che Domenico Toscano ha espresso la volontà di verificare la funzionalità del centrocampista marchigiano. L’ex Como e Latina pertanto è stato tolto dal mercato e si aggregherà regolarmente ai compagni il 15 luglio forte tra l’altro dell’accordo di durata biennale. In più, Sbaffo non vorrebbe lasciare l’Irpinia. Lascerà invece l’Irpinia Ciccio Tavano, pronto a firmare la rescissione consensuale. Tavano nonostante la stagione no vissuta ad Avellino ha ancora diversi estimatori, su tutti Spal, Pisa e Foggia. Casertana e Paganese sono interessate sia a Simone Petricciuolo che ad Angelo Rea, entrambi con il contratto in scadenza nel 2017. Per Giron e Soumarè c’è sempre l’ipotesi Catanzaro, mentre i tentativi di Padova e Piacenza per Visconti sembrano essersi dissolti. Intanto la società ha incassato dalla Commissione provinciale di vigilanza sui locali di pubblico spettacolo il parere definitivo sull’agibilità dello stadio. Incassato l’ok dell’organismo di vigilanza, l’Avellino può guardare con ulteriore serenità a tutta la serie di interventi che stanno interessando l’impianto di contrada Zoccolari nel suo insieme. Su tutti, l’installazione dell’erba sintetica sul campo principale con contestuale trasloco del manto naturale all’adiacente superficie B. Per quanto riguarda la sede dei ritiri, la formazione Primavera di Renato Cioffi dovrebbe optare per San Martino Valle Caudina.
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*