L’Avellino vuole chiudere la pratica salvezza contro il Como.

In serie B al termine della stagione regolare mancano ancora tre partite ma per alcune società è già tempo di programmare il futuro visto che ormai non posso piu’ chiudere nulla alla classifica. L’Avellino è ad un punto dalla matematica salvezza e sabato affronta il Como, cenerentola della serie Be di certo chiuderà la pratica. Dopo di chè bisognerà cominciare a pensare al futuro e bisognerà farlo evitando gli errori commessi in questa stagione. La prima casella da riempire è quella dell’allenatore. Le strade di Attilio Tesser e dell’Avellino si erano già divise, poi il tecnico è stato richiamato in panchina e sta dando prova di grande professionalità, ma per lui non c’è futuro all’ombra del Partenio. La scelta dell’allenatore dovrà essere fatta valutando le prospettive della società. Se infatti si vuole mettere mano al portafoglio e allestire una squadra che possa guardare dall’alto in basso le avversarie o se Taccone e soci vorranno ripetere lo spettacolo di quest’anno. La dirigenza biancoverde deve dare carta bianca al nuovo tecnico se vuole davvero puntare in alto, e il sostituto di Tesser non dovrà commettere l’errore di accontentarsi del materiale umano che la società gli metterà a disposizione. Per quanto riguarda l’allenatore già circolano vari nomi, ma siamo ancora a livello di chiacchiere da bar. Per quanto riguarda la sfida di sabato con il Como, in difesa non ci sarà Biraschi che è squalificato, ma rientra Pisano mentre la coppia centrale sarà formata da Jidayi e Chiosa con Visconti a sinistra. A centrocampo potrebbe risposare Gavazzi che non è al meglio della condizione e quindi tesser darà spazio a Bastien con D’Angelo e Arini a completare la mediana. A completare il quadro ci sarà Roberto Insigne dietro la coppia d’attacco Castaldo-Joao Silva

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*