Le R.S.U denunciano la grave situazione dell’A.C.S.

La scrivente Rappresentanza Sindacale Unitaria di Alto Calore Servizi è fortemente preoccupata per l’immobilismo delle attività principali in Alto Calore Servizi s.p.a. che si sta riscontrando nell’ ultimo mese. Nonostante gli sforzi del personale nel continuare a svolgere le proprie attività, come normalmente si è sempre fatto, oggi non si riesce a svolgere neanche l’ordinario in quanto tutto si blocca, misteriosamente, nelle stanze delle figure apicali dell’Alto Calore Servizi s.p.a.. Le difficoltà si riscontrano sia nelle attività amministrative che in quelle tecniche. Le procedure si muovono con una lentezza inspiegabile, c’è difficoltà addirittura nello svolgere la manutenzione ordinaria sulle condotte idriche in quanto sono saltate tutte le procedure che erano in essere. Arrivano segnalazioni dal personale che non sa più a chi rivolgersi per la risoluzione delle problematiche che vengono puntualmente segnalate ma senza ricevere alcun riscontro. Tutto questo coincide con una delicatissima partita sulla gestione dell’acqua che sembra stia distraendo l’amministrazione e la classe dirigenziale, dimenticandosi che esiste un’azienda acquedottistica di nome Alto calore Servizi s.p.a. che deve garantire la continuità della servizio idrico ai comuni soci. Si riscontrano anomalie nelle procedure di fatturazione agli utenti e uno stato vegetativo nel recupero della morosità, che fino a qualche tempo fà sembrava aver trovato una giusta direzione, si riscontrano problematiche nell’approvvigionamento delle scorte in magazzino dal vestiario ai pezzi idraulici ed elettrici utilizzati per l’ordinaria manutenzione su impianti e reti.
Nell’ultimo incontro la RSU ha riferito alla parte datoriale di preparare il piano di emergenza per il periodo estivo considerato che l’amministrazione ha comunicato alla popolazione, tramite la stampa, che dopo un inverno particolarmente anomalo si rischieranno problemi di approvvigionamento idrico già dal mese di maggio prossimo. Nonostante tutto ancora oggi non è stata presa alcuna iniziativa. Il senso di responsabilità del personale Alto Calore che ci ha sempre contraddistinto, ci obbliga a denunciare alle Autorità Competenti questa strana situazione che ultimamente si sta riscontrando in ACS al fine di poter garantire, attraverso la funzionalità dell’azienda, la continuità del servizio idrico alla popolazione . Si chiede, pertanto, un’ intervento immediato ognuno per le proprie competenze.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*