Linea Benevento-Cancello (Via Valle Caudina). Quale futuro?

L’associazione Culturale Impegno Civico ha convocato, per giovedì 28 giugno, una riflessione pubblica su un tema centrale per la città di Benevento e per il suo hinterland. Oltre che naturalmente per una parte viva della provincia: la Valle Caudina. Il tema è: “ Linea Benevento-Cancello.(Valle caudina). Quale futuro? Non è una questione che nasce oggi. È annosa! Ha una cornice complessa. È elemento di spicco, del ruolo del Sannio e di Benevento, nel Quadrilatero Centro-Meridionale del paese. Benevento e’ centrale rispetto ad un territorio che resta delimitato dalle seguenti città: Roma, Pescara, Bari, Napoli. In posizione centrale di questo vasto territorio c’è altra città: Campobasso. L’una Capoluogo di Provincia, l’altra Capoluogo di Regione. La centralità di cui godono le due città, in particolare, Benevento è geografica. Naturalmente per portarsi dal Medio Adriatico ( Pescara Termoli) al basso Tirreno (Napoli o Salerno) si passa per Benevento. Così il contrario, e cioè dal Medio Alto Tirreno (Roma) per andare al Medio Basso Adriatico (Bari). La centralità geografica di Benevento non coincide con la centralità economica di questo vasto territorio. Perché ciò avvenga, il territorio va attrezzato con specifici collegamenti: la Roma Bari (la nuova Appia) ormai in via di definizione con la costruzione della Caianello Benevento. Da una parte. E dall’altra. Il collegamento Pescara Termoli Benevento Napoli Salerno.
La linea Benevento Cancello è elemento importante anche per i soli collegamenti con il capoluogo regionale Napoli. Sul punto si fa notare. Benevento è l’unico capoluogo provinciale non collegato, direttamente, con Napoli via autostrada. Quando nacque la Regione Campania e vennero approvate le Opzioni Cascetta, uno dei punti essenziali venne considerata la costruzione della Pentapoli. Cioè il collegamento diretto e autostradale tra tutti i cinque capoluoghi provinciali. I collegamenti vennero creati per tutte le province. Non per Benevento. I disagi sono stati naturalmente sono enormi. Lo sono tuttora. In questa cornice, più limitata, si pone la questione odierna della Valle Caudina cioè del collegamento rapido Benevento Napoli. Senza dimenticare le opportunità che il nuovo assetto della TAV propone. È noto! E’ finanziato il collegamento TAV Napoli Bari. Una parte anche realizzata. Quella precedente e successiva alla stazione di Benevento. Ora la domanda: la Benevento Cancello deve restare un collegamento “ secondario” che unisce Benevento a Napoli via Cancello o viceversa può essere parte di un assetto “ superiore” di Rfi che interessa la zona sannita e l’entroterra napoletano? Questa la questione! A questa questione si cercherà di dare una risposta razionale giovedì 28 alle 17:00 presso l’aula Virginio del Museo del Sannio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.