L’Irpinia solidale con il Prefetto Piantedosi capo di gabinetto del ministro Salvini.

Un coro unanime di solidarietà si è levato da tutta l’irpinia, per Matteo Piantedosi. Il capo di gabinetto del ministro degli interni è indagato, come lo stesso Salvini, per la vicenda della nave Diciotti. Il funzionario ha un rapporto strettissimo con il suo paese di origine, Pietrastornina, Anche in questo mese di agosto, infatti, ha trascorso qualche giorno di riposo all’ombra del Partenio, Non solo, la sua figura di funzionario integerrimo è nota in tutta l’Irpinia. E, da parte sua, c’è stato sempre un interessamento vero e sincero per la provincia di Avellino, tanto è vero che numerosi consigli comunali lo hanno insignito della cittadinanza onoraria. Così, appena il suo nome è comparso sul registro degli indagati da parte del procuratore di Agrigento, tantissimi primi cittadini gli hanno espresso la massima solidarietà. Non solo, conoscendo la sua condotta integerrima,sindaci e consiglieri comunali, sono convinti che saprà dimostrare di essere,completamente, estraneo ai fatti. In buona sostanza, secondo i rappresentanti istituzionali irpini, Piantedosi non avrebbe mai fatto una forzatura della legge, anche se a chiederglielo fosse stato il ministro che lo ha voluto capo di gabinetto. Piantendosi, dopo essere stato vice capo della polizia, lo scorso anno era stato nominato prefetto di Bologna, che da sempre, per queste carriere viene considerato uno snodo cruciale. Dopo l’insediamento del nuovo governo, Matteo Salvini, nominato ministro degli interni, lo ha designato capo di gabinetto, Secondo chi gli ha parlato, il prefetto è sereno come sempre ed è pronto a dimostrare l’estraneità ai fatti che gli vengono contestati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.