M5s: staff non dà cifre ma ammanco rischia superare 1 mln

Non sarebbe di soli 226 mila euro la differenza che risulta fra le rendicontazioni pubblicate dal gruppo parlamentare dei 5 stelle e quanto effettivamente bonificato al Fondo per il microcredito del ministero dello Sviluppo. La cifra, fatti i conti con quanto versato dagli europarlamentari, sale infatti a quota 851 mila. E se a questi si aggiungono i versamenti che sarebbero arrivati dalle Regioni di cui non c’è certezza, ma che potrebbero risultare anche di oltre 500 mila euro, il totale rischia di superare il milione di euro. Interpellati in proposito, i vertici del M5s affermano: “Il conto lo stiamo ancora facendo, domani sapremo”.Alla cifra di 226 mila euro di ammanco, che ha fatto scattare l’allarme per le mancate restituzioni di alcuni parlamentari, andrebbe infatti aggiunta la cifra versata al fondo dagli eurodeputati del M5s e certificata dallo stesso blog delle Stelle qualche giorno fa. Cifra che fa aumentare la forbice tra quanto ricevuto in totale dal fondo e quanto arrivato dai bonifici dei parlamentari. “E’ di 606 mila euro la somma raggiunta dalle restituzioni al fondo per le piccole imprese dagli stipendi degli eurodeputati” ha certificato il blog pochi giorni fa. Ci sono poi 19 mila euro versati dagli ex Riccardo Nuti (9 mila) e Giulia di Vita (10 mila) e quelli non contabilizzati, di Giuseppe Vacciano. In totale sono almeno 851 mila euro. A questi andrebbero inoltre aggiunti i versamenti degli eletti M5s nelle regioni: questa cifra non è nota ma secondo alcuni calcoli potrebbe superare i 500 mila euro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.