Maltempo: ipotesi inondazione colposa, per ora nessun indagato

SAM_4173Al momento non ci sono ne’ indagati, ne’ persone informate dei fatti in merito all’ipotesi di reato di inondazione colposa avanzata dalla Procura della Repubblica di Benevento in seguito al nubifragio e l’alluvione che ha colpito la città di Benevento e la sua provincia. Équanto trapela da ambienti della stessa procura di Benevento dove oggi si è recato in visita Luigi Riello, procuratore generale della Corte d’Appello di Napoli, che è stata ricevuto dal procuratore di Benevento Giuseppe Maddalena e dal procuratore aggiunto Giovanni Conzo. La Procura della Repubblica di Benevento ha avviato un’indagine conoscitiva sui luoghi del disastro e dei fatti che hanno causato, nella notte tra il 14 e 15 ottobre scorsi, l’esondazione del fiume Calore in diverse località della città e della provincia, procurando morte e ingenti danni. Secondo quanto si apprende, il consulente tecnico nominato dalla Procura, un geologo di Napoli, ha effettuato diversi sopralluoghi nelle aree disastrate, a partire dalla zona della diga di Campolattaro e ha anche ripercorso il tracciato del fiume Calore. In queste ore sono stati visionati diversi documenti, alcuni dei quali sarebbero stati anche sequestrati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*