Mastella: Bindi, non devo chiedere scusa a nessuno

Il presidente della Commissione Antimafia Rosy Bindi non ha “da rivolgere scuse a nessuno, perché, come è stato ampiamente accertato addirittura in sede giudiziaria il comportamento della Commissione parlamentare” è “stato ritenuto ineccepibile”. Bindi risponde così a chi le chiede di commentare la richiesta di scuse da parte di Sandra Lonardo, moglie di Clemente Mastella, dopo l’assoluzione, per quando fu definita “impresentabile” nel 2015. Secondo Rosy Bindi, è stato giudicato “ineccepibile” “non il mio comportamento” perché “tutto ciò che è stato votato in Commissione è stato votato all’unanimità ed è stato un comportamento ritenuto ineccepibile e volto ad applicare la legge istitutiva della nostra Commissione che ci chiede di verificare la qualità delle candidature”. “In quella circostanza – ha sottolineato – noi abbiamo fatto una fotografia di dati pubblici sulla situazione giudiziaria dei candidati alla Regione Campania. Cosa che è stata ripetuta in altre circostanze, addirittura richiesta l’anno successivo dalle forze politiche”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*