Medico e moglie arrestati, accusati anche altra morte

Sarebbero responsabili della morte anche di un’altra bimba, di quattro anni, i due coniugi Angelo Coronella, medico pediatra e neonatologo, ed Ersilia Pignata, pediatra abusiva, finiti questa mattina agli arresti domiciliari per la morte di una bimba di tre anni di Giugliano in Campania (Napoli), che avevano preso in cura in tenerissima età, quando aveva tre mesi, senza mai accorgersi della grave malattia cui era affetta, un neuroblastoma, che poi ha causato la tragedia.La circostanza che rende “recidivi” i due coniugi titolari del centro pediatrico di Casal di Principe (lei risulta residente a Formia in provincia di Latina, lui a Casal di Principe) emerge dalla nota emessa dalla procura della Repubblica di Napoli Nord, a firma del procuratore capo Francesco Greco; ed è stata diffusa anche per motivare la gravità della misura restrittiva scelta, nonostante la contestazione riguardi solo reati colposi. La prima bimba è morta mentre i due coniugi avevano in cura la piccola di tre anni; sulla vicenda indaga la Procura di Napoli, che ha emesso già il decreto di citazione in giudizio per omicidio colposo e altri reati a carico della coppia. Le indagini che hanno portato alla misura eseguita oggi sono state condotte dai carabinieri della Compagnia di Casal di Principe. I militari hanno anche accertato che la donna era solita firmare le ricette e svariati documenti sanitari al posto del marito, ed anche per questo le è stato contestato il reato di sostituzione di persona. La struttura, il cui nome era Pediatric Center ed è ubicata in via Vaticale a Casale, era molto nota ed ha un sito internet da cui si evince che era specializzata in visite posturali, esami clinici auxologici e psicomotori, ecografie, screening visivi e cardiologici; il titolare del centro, Angelo Coronella, aveva in cura per conto della Asl parecchi minori come specialista delle malattie dei bambini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*