Minacce e attentati ad amministratori della Valle Caudina: indagini a un punto morto

Gli amministratori della Valle Caudina continuano ad essere nel mirino di malintenzionati o, forse, anche peggio. Solo la settimana scorsa si sono registrati due gravissimi episodi, uno contro il sindaco di Rotondi Russo e l’altro contro il vice sindaco di Airola Influenza. Si tratta solo degli ultimi due episodi, perchè, in un modo o nell’altro, quasi tutti gli amministratori locali sono costretti a subire minacce o atti forti di intimidazione. Certo, è notorio che c’è sempre un forte interesse da parte della criminalità, organizzata o meno, rispetto alla gestione della cosa pubblica, sopratutto quando si devono assegnare appalti. Appare, però, abbastanza strana la risposta delle forze dell’ordine e della magistratura. Ad oggi, nessuno è stato mai identificato ed assicurato alla giustizia. Ad esempio, sono passati quasi due anni da quando ci fu l’attentato contro il sindaco di Cervinara Filuccio Tangredi, ma per quel grave fatto, nessuno è stato mai incriminato. Non serve sottolineare che per vicinanza geografica la Valle Caudina è esposta alla penetrazione criminale da parte di altre province. Come tutti sanno che in queste terra opera in uno dei clan cammorristici più longevi della storia. Ci dovrebbe essere, quindi, un’attenzione particolare, una puntuale attività di polizia criminale. Ma, tutto questo manca. E neanche si può giustificare questa latitanza nel fatto che questo territorio è diviso tra due procure, due comandi provinciali dei carabinieri e due questure. Questo non può certo bastare, non è per nulla sufficiente. C’è un fotte calo di tensione, da parte di tutti, Quello che avviene da queste parti sembra non interessare nessuno. Eppure, la penetrazione criminale è come un tumore, se inizia a diffondersi non si ferma più e manda il corpo,anche quello più sano, in metastasi. E’ ora che arrivino risultati, è ora che le indagini, se sono state fatte, portino a qualche conclusione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*