Montesarchio. Damiano: sulla vicenda Moccia la Fillea Cgil è in stato confusionale.

Non accetta l’attacco subito dalla Fillea Cgil il sindaco di Montesarchio Franco Damiano. Motivo del contendere la forte crisi che sta attraversando l’azienda Moccia, con il possibile licenziamento di ben 50 persone. Antonio Mesisca, rappresentante del sindacato ha accusato il primo cittadino di non essere informato sulla questione, avendo addossato le colpe della crisi al sindacato, attraverso un comunicato stampa. “ Evidentemente, ci ha detto Damiano, la Fillea Cgil è in stato confusionale, non avendo io, come sindaco,fatto alcun comunicato stampa sulla questione della crisi dell’azienda Moccia, Come è ben noto a tutti,incalza Damiano, ho sempre guardato con grande attenzione all’azienda ma soprattutto alle maestranze, ai lavoratori e alle loro famiglie. Non solo, a differenza di altri, conosco benissimo le ricadute sull’indotto. Di queste cose mi occupo, non da adesso ma da sempre. Mi meraviglia che solo adesso la Fillea si ricordi del comune di Montesarchio, avendo già partecipato a riunioni in prefettura ed in confindustria su questa drammatica problematica. Mi auguro che la sensibilità dell’azienda e le parti sociali e la politica, a tutti i livelli,sopratutto parlamentare, avendo questa provincia, ben sei tra deputai e senatori, trovino idee e progetti utili alla risoluzione del mantenimento dei livelli occupazionali. Io come sindaco di Montesarchio e la mia mia amministrazione siamo pronti a fare la nostra parte ma non accettiamo questa politica dello scaricabarile e del pressapochismo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.