Montesarchio. Giunta Damiano conferma fondi per servizio scuolabus e mensa.

200mila euro non sono certo pochi per il bilancio di un comune, visto che tutti gli enti fanno i salti mortali con le rimesse sempre più ridotte che arrivano dallo stato. Continua il tempo di lacrime e sangue per paesi grandi e piccoli. Si fanno i salti mortali per far quadrare i conti e soprattutto si cerca di non tagliare i servizi, in special modo, quelli destinati alle famiglie. Si basa proprio su questo principio, la scelta della giunta comunale di Montesarchio, guidata dal sindaco Franco Damiano di mantenere inalterati, rispetto allo scorso, i fondi per il servizio scuolabus e per la mensa scolastica. Il primo costa a palazzo San Francesco circa 120mila euro, il secondo, invece, circa 70mia, In tutto fanno 200mila euro e, davvero, si sono fatti i salti mortali per non tagliare neanche un centesimo. Il sindaco Franco Damiano ci ha spiegato che si tratta di un aiuto importante per le famiglie, in quanto, a secondo dei redditi il comune contribuisce molto per entrambi i servizi. Chi ha di meno, come è giusto che sia, ottiene il contributo maggiore a secondo dell’Isee presentato. Un modo per venire incontro alle esigenze delle famiglie che, con l’apertura dell’anno scolastico si preparano all’ennesimo salasso. Senza contare che la scuola resta un servizio essenziale.ed il comune di Montesarchio cerca di difendere un principio basilare, quello che deve essere aperta a tutti. Forse, è un diritto che diamo per scontato, ma, purtroppo, così non è, perchè proprio i costi crescenti lo mettono a rischio. Il comune di Montesarchio cerca di difenderlo ancora per quel che può e per quel che gli compete. Anche altre istituzioni dovrebbero fare lo stesso e non pensare alla scuola come ad un’azienda.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*