Montesarchio. Il Maggiore Emilio De Nisco lascia Comando Compagnia Carabinieri.

Domani 8 settembre 2017, dopo 6 anni di permanenza il Maggiore Erminio De Nisco lascia il comando della Compagnia Carabinieri di Montesarchio. Prima di trasferirsi al nuovo reparto, nell’hinterland napoletano, non senza un filo di commozione, il comandante della Compagnia ha salutato il comandante Provinciale, Col. Alessandro Puel ed i suoi colleghi ufficiali e, ricordando alcuni bei momenti della sua esperienza umana e professionale, non ha mancato di ringraziare tutto il personale della Compagnia Caudina che quotidianamente è chiamata a contrastare la criminalità in un’area tra quelle a maggior impegno operativo della provincia in cui l’ufficiale si è impegnato per dare impulso all’attività a favore del bene comune e per corrispondere alle richieste di sicurezza della popolazione.
Nel periodo di Comando del Maggiore DE NISCO, i Reparti dipendenti dalla Compagnia hanno proceduto all’arresto di 515 persone ed alla denuncia in stato di libertà di 5921, sequestrando, tra le province di Benevento e Caserta, 63 beni immobili, 6 aziende, 13 tra veicoli e natanti, 22 rapporti bancari e quote societarie, per un valore complessivo stimato in circa 6 milioni di euro.
Diverse sono le operazioni di elevato profilo condotte dai Carabinieri della Compagnia, tra le quali ricordiamo le più significative:
a. il 23 gennaio 2012, OPERAZIONE “ULTIMA RATA” 8 + 1 arresti per concorso in estorsione ed usura aggravati dal metodo mafioso con sequestro di beni;
b. l’8 Giugno 2012, OPERAZIONE “PIETRA” – 11 arresti per associazione a delinquere di tipo mafioso finalizzata all’estorsione ed all’usura;
c. il 20 novembre 2012, OPERAZIONE “SCUOLA PULITA” – 7 + 1 arresti per concorso in detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti;
d. l’8 ottobre 2013, OPERAZIONE “LUPO” 5 + 1 Arresti per associazione a delinquere finalizzata ai reati contro il patrimonio e detenzione illegali di armi;
e. il 17 febbraio 2015, OPERAZIONE “DIRTY FUR” – 3 arresti per estorsione e usura aggravati dal metodo mafioso con sequestro preventivo di beni;
f. il 16 maggio 2017, OPERAZIONE “HIGADO” – 21 Arresti per traffico internazionale di stupefacenti.
All’Ufficiale, che in questi anni si è dedicato con passione al suo lavoro, va un “In bocca al Lupo” dal Comandante Provinciale e dal personale dell’Arma della provincia che hanno apprezzato le sue doti umane e professionali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*