Nel caos venezuelano il gesto commovente di un’anziana suora. La nota di Franco Petraglia.

Le notizie che arrivano dal Venezuela diventano sempre più drammatiche:scontri, con numerosi morti, feriti e detenuti. Siamo di fronte ad una vera crisi umanitaria, sociale, politica ed economica che sta stremando la popolazione. Il Paese latino-americano è sull’orlo di una guerra civile. Tuttavia, tra l’inferno che imperversa nelle strade mi ha colpito profondamente il gesto di Suor Esperanza, una religiosa 78enne che, nel pieno della” marcia del silenzio”, a Caracas, si è staccata dal corteo per convincere le forze di sicurezza a smettere di scagliare lacrimogeni sui manifestanti. L’anziana donna ha detto:” So che dovete obbedire agli ordini,ma siamo tutti venezuelani”. Auspico che quanto prima si trovi una soluzione negoziata a questa cruda violenza e a questo grave spargimento di sangue. Che tutti i diritti umani vengano riconosciuti e garantiti, come sancito nella Dichiarazione Universale dei diritti dell’uomo,approvata dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite il 10 dicembre 1948. La pace, diceva Talmud, è per il mondo quello che il lievito è per il pane”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.