Nell’Arte del Cappuccino si esalta il “Moro” di Montesarchio

Si è conclusa a La Spezia, l’ottava edizione del concorso l’Arte del Cappuccino, quest’anno aperto per la prima volta alle scuole italiane e non più interno. Il concorso si è svolto nei locali dell’IPSSEOA “G. Casini”, diretto dalla prof.ssa Margherita Gesu, che ha partecipato alla macchina organizzativa ed è stato patrocinato dall’Associazione italiana Bartender & Mixologist. Partner del concorso è stata la spezzina Tarros, che ha offerto i premi e le borse di studio per i 10 partecipanti. Il concorso – ricorda la nota diffusa alla stampa – si è svolto in un’unica giornata ed agli ospiti è stato offerto un pranzo grazie allo chef Santoni ed al maître Rino Liparulo, entrambi docenti dell’IPSSEOA. Naturalmente con la collaborazione della 3E di Sala e Vendita e degli allievi di cucina che hanno curato l’evento. Inutile dire che il pranzo era tipicamente ligure ed il vino abbinato un Colli di Luni. La competizione era riservata agli allievi di sala bar degli istituti alberghieri e ben 10 scuole si sono sfidate nella gara, provenienti da tutta Italia, dal sud al nord. I partecipanti si sono cimentati in un’unica prova secca che consisteva nella preparazione di un cappuccino. La giuria tecnica è stata coadiuvata da Fabiano Bucci, esperto di Latte Art, proveniente dal Lazio e da Barbara Bocciardo, barlady del Piper 2.0, anche lei esperta di caffetteria. Inoltre Fabiana, Alba e Nicolò, allievi della 5E di Sala e vendita, del “Casini”, hanno aiutato la giuria nell’organizzazione.
Il concorso nei dettagli è stato curato dal prof. Luigi Manzo e da tutto lo Staff AIBM La Spezia, in collaborazione naturalmente con il personale scolastico (in particolare del reparto Magazzino e della segreteria). Dopo l’accoglienza ed il pranzo, la gara è iniziata e si è conclusa alle 17.00. I vincitori sono stati: 1° classificata Elisa Puppa del’Istituto F.lli Pieroni di Barga (LU), accompagnata dal prof. Roberto Zito ; 2° classificato Greta Salvaneschi del Ruffini Accardi di Arma di Taggia (IM), accompagnata dal prof. Stefano Sancassani ed infine 3° classificato Hani HNicHE, del “Varnelli” di Cingoli (MC), accompagnato dal prof. Paolo Napoli. Un plauso particolare va all’Istituto “Pacinotti” di Bagnone (MS) che ha sfiorato di pochissimo il 3° posto (classificandosi comunque quarto); l’allieva Zangani Beatrice è stata accompagnata da Arabella Mammolito e dal docente di Sala e vendita. Tutti i partecipanti hanno avuto in omaggio una borsa di studio per un corso di Latte Art AIBM oppure un corso completo per barman, livello base. Anche l’Istituto Aldo Moro di Montesarchio ha partecipato al concorso nazionale, con l’allieva Maria Carmela Iachetta, accompagnata dai docenti Rosario Baldino e la prof.ssa Mena Russo. Un’ottima esperienza in vista delle grandi novità che AIBM Project sta preparando in collaborazione con gli Istituti del Beneventano. L’allieva si porta a casa una borsa di studio per un corso di barman professionale, del valore di 400 euro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*