Nessuna traccia dei killer che hanno attentato alla vita di Claudio D’Onofrio.

Ancora nessuna traccia dei due killer che a bordo di una moto nella serata di ieri ad Arpaia hanno attentato alla vita di Claudio D’Onofrio di 29 anni che è rimasto illeso avendo avuto la freddezza di sdraiarsi a terra. Al momento le indagini dei Carabinieri stanno cercando di capire il movente alla base di un’azione delittuosa eclatante. Claudio D’Onofrio che era nei pressi della sua abitazione in via Corte, lavora per una ditta che si occupa di raccolta del ferro. Di cosa si sarebbe dunque macchiato Claudio D’Onofrio per attirare su di se le attenzioni di un commando che solo per poco non ha raggiunto l’obiettivo? Arpaia, rappresenta un confine tra quelli che potrebbero essere gli interessi della malavita operante in Valle Caudina e quella del casertano. Indagini quelle dei carabinieri che non si presentano facili ma che hanno portato anche al rafforzamento dei controlli. Bisogna anche capire se ci possa essere un collegamento tra i vari episodi delinquenziali che si sono verificati nella Valle in queste ultime settimane.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*