Nove medici della Malzoni devono rispondere di omicidio colposo.

Nove medici della Casa di Cura Malzoni Villa dei Platani di Avellino compariranno davanti al Tribunale di Avellino per rispondere del reato di omicidio colposo per il decesso di una paziente avvenuto al Cardarelli di Napoli nel 2016. La vicenda giudiziaria nasce dal decesso di una 54enne di Agropoli che nel 2016 era venuta in Irpinia per sottoporsi a un intervento di “isteroannessictomia con studio estemporaneo intraoperatorio di linfonodo sentinella”. Un’operazione che prevede l’asportazione dell’utero. Per il sostituto procuratore, Luigi Iglio, ci sarebbe stata una errata diagnosi dei sintomi manifestati dalla paziente dopo l’intervento. L’accusa ha evidenziato un’ipotetica «mancata predisposizione di adeguati e tempestivi strumenti di cura e di idonea terapia nei confronti della paziente, considerato che, sin dal giorno successivo all’intervento, la donna avrebbe accusato dolori addominali». Inoltre i magistrati contestano presunte errate valutazioni e scelte tecniche praticate dai medici che hanno operato d’urgenza la donna l’8 dicembre del 2016. Nell’indagine rientra anche un secondo intervento. Operazione che – secondo l’accusa – non avrebbe tenuto conto delle condizioni della paziente dopo precedenti interventi chirurgici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.