Omicidio Maria: si aggrava la posizione di Daniel.

E’ durato oltre quattro ore l’interrogatorio di Daniel il 21 enne rumeno unico indagato per l’omicidio di Maria Ungureanu. Il giovane assistito dal suo legale, ha risposto alle domande del sostituto Maria Scamarcio, del procuratore reggente Giovanni Conzo e del maggiore Alfredo Zerella. Il giovane ha tentato ancora una volta di respingere le pesanti accuse di omicidio e violenza sessuale della bimba di 9 anni, anch’ella rumena, rinvenuta senza vita lo scorso 19 giugno, a San Salvatore Telesino, nella piscina di un resort. Gli investigatori non avrebbero trovato i riscontri necessari al racconto fornito dal giovane nei precedenti interrogatori e che hanno mosso una serie di contestazioni alle sue affermazioni sia rispetto alla posizione dell’auto ad una determinata ora e in un determinato posto, sia in relazione ai rapporti con la piccola. Lui ha sempre parlato di un’amicizia e nulla più, chi indaga sembra invece convinto dell’esistenza di un legame affettuoso con la povera Maria. Nell’inchiesta da questa sera è entrata come indagata in concorso anche la sorella di Daniel, Cristina di 29 anni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*