Operazione “Super Genio” sequestrati 30 videopoker illegali.

La Guardia di Finanza, nell’ambito di un’attività di servizio condotta nel comune di Eboli a
tutela del monopolio statale sui ccdd. “videopoker”, convenzionalmente denominata
“Super Genio”, ha sottoposto a controllo numerosi circoli ricreativi ed esercizi commerciali
in cui risultavano in funzione apparecchi e congegni della specie che consentivano una
vincita in denaro. L’azione “sul campo” ha visto impiegati sul territorio 50 finanzieri del Gruppo di Eboli che hanno posto sotto osservazione n. 20 “punti di gioco” dislocati in tutti i più popolosi
quartieri cittadini (zone “Paterno”, “167”, “Centro Storico” e “Mulinello”) pervenendo
all’individuazione di n. 30 apparecchi “videopoker” non conformi alla normativa vigente,
poiché capaci non solo di sottrarre il relativo gettito al Fisco ma soprattutto “taroccati” in
danno dei singoli utenti, erroneamente convinti di utilizzare, a fini ludici, congegni
legalmente messi in commercio. L’operazione ha messo in luce un diffuso sistema di illegalità legata alla presenza di congegni da divertimento e intrattenimento che, di fatto, non solo non riproducevano il meccanismo di gioco per il quali erano stati autorizzati, ma addirittura erano state
trasformate in vere e proprie “slot machine” illegali che erogavano vincite in danaro senza
alcuna regola ben precisa e garantita se non quella arbitrariamente decisa dai singoli
gestori, spesso in danno degli ignari giocatori. Tutti gli apparecchi da intrattenimento, infatti, sono risultati privi dei cd. “nulla osta di messa in esercizio” e “nulla osta di distribuzione” che garantiscono la rispondenza del congegno a precise e necessarie prescrizioni tecniche per la relativa distribuzione sul mercato e il relativo utilizzo da parte dei singoli utenti, dei quali solo in questo caso salvaguardano i relativi diritti di giocatori. La posizione di n. 12 titolari dei circoli ricreativi e degli esercizi commerciali ispezionati è ora sottoposta al vaglio dell’Amministrazione Autonoma dei Monopoli di Stato, quale Organo gestore del connesso tributo erariale, e nei loro confronti sono state contestate violazioni amministrative per 220 mila euro. L’attività svolta testimonia, ancora una volta, come sia mantenuta alta l’attenzione della Guardia di Finanza sia a tutela del cittadino-consumatore finale, sia degli operatori economici rispettosi delle regole del “gioco”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*