Padre Alfonso Ricci consigliere ecclesiastico per Coldiretti Campania

Il Cardinale Crescenzio Sepe, Arcivescovo Metropolita di Napoli, ha nominato Padre Alfonso Ricci consigliere ecclesiastico per Coldiretti Campania e Napoli, con l’approvazione della Conferenza Episcopale Campana. A Padre Alfonso il benvenuto del presidente Gennarino Masiello e del direttore Salvatore Loffreda, che hanno proposto al Cardinale Sepe il nome dell’ex parroco di Villaricca, dove si è particolarmente distinto per l’attenzione verso gli agricoltori, ospitando e favorendo presso la parrocchia di San Pasquale Baylon numerose iniziative della Coldiretti a sostegno dei giovani, delle donne e degli anziani. La Coldiretti ispira la propria azione alla storia e ai princìpi della Scuola cristiano-sociale. La presenza del Consigliere Ecclesiastico nella Coldiretti è postulata da questa identità ed è intesa come servizio per illuminare le scelte programmatiche e comportamentali perché siano coerenti con i dettati dell’ispirazione cristiana. Il Consigliere Ecclesiastico è chiamato a svolgere il suo compito nel rispetto della legittima autonomia dell’Organizzazione. I responsabili, da parte loro, si impegnano a valorizzare questa figura nel modo più opportuno. Il Consigliere Ecclesiastico, in quanto espressione della sollecitudine pastorale della Chiesa per la formazione dei laici nel mondo del lavoro, opera ai diverse livelli per mantenere rapporti di collaborazione tra Federazioni, Conferenza Episcopale e Ufficio per i problemi sociali e il lavoro con i Vescovi e le strutture diocesane che animano la pastorale del lavoro. Il Consigliere Ecclesiastico regionale ha la responsabilità di organizzare incontri di formazione e di assistere spiritualmente il personale della Federazione, di programmare iniziative formative all’insegnamento sociale della Chiesa per i dirigenti e i soci, di offrire la propria collaborazione per approfondimenti sui valori sociali cristiani, di curare il coordinamento dell’Organizzazione con i programmi dell’Ufficio regionale per i problemi sociali e il lavoro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.