Pannarano. Arrestato e condotto in carcere per aver picchiato la madre

A seguito di indagini coordinate dalla Procura della Repubblica di Benevento, i Carabinieri
della Compagnia di Montesarchio (BN) hanno dato esecuzione a un ordinanza, emessa dal
G.I.P. presso il Tribunale di Benevento, di applicazione di misura cautelare della custodia in
carcere a carico di un pregiudicato Luigi Meoli 26enne di Pannarano in quanto gravemente
indiziato dei reati di maltrattamenti in famiglia, estorsione e lesioni personali aggravate.
La misura coercitiva scaturisce dall’attività posta in essere dai militari della Stazione CC di
Montesarchio che acquisivano univoci elementi di colpevolezza nei confronti dell’indagato
il quale, dal mese di settembre 2018, con condotta perdurante, aveva maltrattato la madre
convivente sottoponendola ad una serie di sofferenze fisiche e morali, consistenti in
continue minacce, offese ed aggressioni. Inoltre lo stesso, mediante minacce e violenze,
commesse anche con arma da taglio, costringeva la madre a consegnargli una somma di
denaro, destinata al consumo di sostanze stupefacenti ed alcolici, oltre a monili in oro e
carta Postepay e la sorella a consegnargli un tablet. Si accertava anche che, in una
occasione, nel febbraio del 2019, il reo, durante un episodio culminante di maltrattamenti,
aveva cagionato alla madre lesioni personali guaribili in giorni 3, mettendole le mani alla
gola, strattonandola per il braccio destro, sbattendola sul divano e colpendola con calci alle
gambe. Il G.I.P., condividendo la valutazione prospettata dal P.M., ha ritenuto sussistenti le
esigenze cautelari per la sottoposizione del prevenuto alla custodia in carcere.
Il soggetto, dopo le formalità di rito, è stato tradotto presso la Casa Circondariale di
Benevento a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.