Pannarano. Consiglio comunale sull’apertura dello Sprar.

Un consiglio comunale aperto per coinvolgere al massimo la popolazione in vista dell’apertura dello Sprar. Domani, otto febbraio, a partire dalla ore 18,00, è stata convocata un’assemblea straordinaria del massimo organismo comunale a Pannarano per discutere su tutte le vicende relative all’adesione della giunta, guidata dal sindaco Fabio D’ Alessio, al sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati. La richiesta di questo consiglio è arrivata dalla minoranza consiliare ed è stata subito sposata dalla maggioranza. Pannarano aderisce al bando del ministero degli interni mettendo a disposizione due strutture comunali che si trovano al centro del paese per ospitare 35 richiedenti asilo. Le strutture saranno controllate direttamente dal comune, che darà la loro gestione in appalto a cooperative che si occupano della materia. Si tratta di un progetto che prevede l’erogazione di una cifra superiore al milione e mezzo di euro per tre anni. Da segnalare che nel piccolo centro caudino, attualmente, ci sono circa 60 richiedenti asilo. Con lo Sprar, quindi, gradualmente, il loro numero dovrebbe calare sino ad arrivare a 35 unità. Il sindaco D’Alessio tiene a sottolineare che già sono in atto diversi percorsi per includere queste persone e stanno ottenendo degli ottimi risultati. Basti pensare che tanti bimbi stanno frequentando le scuole e gli adulti vengono impiegati in lavori di pubblica utilità proprio per il comune. Il consiglio comunale aperto di domani, quindi, rappresenta l’ultimo tassello per l’adesione a questo progetto che va verso la gestione diretta dei migranti e potrebbe essere in grado di superare le tante avversità rispetto alla loro integrazione. Il numero degli arrivi è controllato non può essere aumentato , le mansioni che dovranno svolgere anche, In questo modo dovrebbero terminare le scene dei migranti che perdono tempo davanti ai bar o che chiedono l’elemosina. Infine, bisogna tener presente, che l’arrivo di queste persone potrebbe significare dare una svolta importante contro il processo di desertificazione che sta interessando tantissimi comuni dell’appennino centrale, come appunto Pannarano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*