Il Paolisi contro il Lioni per un solo risultato.

Per il Paolisi contro la Polisportiva Lioni l’imperativo è vincere. La squadra di Sgambati raggiunta nelle due ultime gare sul filo di lana ha lasciato per strada quattro punti che poteva regalare la testa della classifica. Diciamo che la fortuna non ha dato certamente una mano ai caudini, al minimo errore gli avversari ne approfittano, ma va anche sottolineato che in alcuni casi, vedi l’espulsione di Angelo Colucci nella gara con il Baiano, il Paolisi ci ha messo anche qualcosa del suo. E la severa squalifica che il giudice sportivo ha inflitto al centrocampista giallorossa, ben cinque giornate, è senza dubbio uno dei problemi con i quali mister Sgambati deve fare i conti. Infatti Angelo Colucci è una delle pedine importanti del centrocampo caudino, giocatore esperto di quantità e qualità difficile da sostituire. Ma ormai quello che è fatto è fatto, bisogna guardare avanti e sfruttare anche il calendario che certamente prevede gare con squadre sulla carta più abbordabili. Ora le due care consecutive interne, dopo il Lioni ci sarà il Siconolfi, devono essere assolutamente sfruttate per scalare la classifica. Sfruttare anche la forma ritrovata di Gennaro Ruggiero, la sua tripletta di Baiano ha confermato le qualità del giocatore. Contro il Lioni il posto di Colucci potrebbe andare a Chiariotti, oppure potrebbe esserci l’innesto dal primo minuto di Di Marzo nel ruolo di trequartista dietro Ruggiero. Conferma per la difesa con la soluzione di Albertini terzino di fascia e Florese secondo centrale in coppia con Rega. Altre notizie riguardano la disponibilità dell’infortunato Simone, per lui la panchina iniziale visto che non è proprio al top. Per il capitano Nicolino Crisci invece, prosegue il suo recupero dopo l’intervento al ginocchio, si spera di vederlo in campo fra due giornate, per la trasferta di Atripalda contro l’Abellinum. L’ultima notizia in casa giallorossa riguarda il ritorno, dopo la stagione con l’Accadia, del giovane difensore di fascia Salvatore Savio, che si è messo già a disposizione del tecnico Sgambati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*