Passa il bilancio dell’Alto Calore Servizi

L’assemblea dei sindaci dell’Alto Calore approva il bilancio ma il rischio fallimento è tutt’altro che una ipotesi. Il documento finanziario relativo al 2017 passa con 38 voti a favore e 17 contrari: il presidente Lello De Stefano respinge l’assalto al Cda e resta, ma la soluzione alla crisi economico-finanziaria resta lontana. I numeri della società di Corso Europa sono a dir poco allarmanti: seppure in lieve attivo sulla gestione ordinaria (37.917euro), e con un Margine operativo lordo di 1.666.124,00 l’azienda deve fare i conti con oltre 134 milioni di debiti, in aumento del 7 per cento rispetto all’anno scorso. In calo di quasi il 4 per cento i costi della produzione. La voce più significativa per l’ente resta il costo del personale, pari a circa 17 di milioni euro, in lieve flessione rispetto all’anno scorso. Respinta la richiesta di rinvio avanzata dal presidente della Provincia e sindaco di Ariano Domenico Gambacorta, sostenuta in aula anche dai sindaci di Summonte e Montella, Pasquale Giuditta e Ferruccio Capone.  Allestito, come annunciato nei giorni scorsi dal Movimento Cinque Stelle, il banchetto per la raccolta delle firme per la richiesta di dimissioni dell’attuale Cda.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.