Passerelle inutili e problemi irrisolti. La gente del Sannio merita rispetto.

benevento-alluvioneUna passerella che francamente poteva essere rispramiata ai cittadini di Benevento e del Sannio che ancora stanno spalando fango. Dopo nove giorni arrivano in città gli esponenti del governo Renzi, il ministro dell’Interno Angelino Alfano e il Ministro dell’Ambiente Galletti. Il ministro Alfano arriva con circa un’ora e mezza di ritardo all’appuntamento in Prefettura in quanto si concede prima alla festa regionale del Nuovo Centrodestra in corso a Limatola. Alla fine dell’incontro in Prefettura ci sono poche certezze e tante chiacchiere. “Constatando i danni di persona, il Governo riconoscerà al prossimo Consiglio dei Ministri lo stato di emergenza per i Comuni del Beneventano colpiti da due eventi calamitosi di una portata eccezionale”. E’ stata la dichiarazione del ministro Galletti. Bisognerà attendere pero’ il rientro dal sud America del premier Renzi e poi si potrà avviare la procedura. Passeranno altri cinque o sei giorni. Intanto è stata convocata d’urgenza per domattina, presso la Rocca dei Rettori, sede della Provincia di Benevento, una riunione per sollecitare ai sindaci la predisposizione di schede di una prima stima dei danni essenziali al fine del riconoscimento dello stato di emergenza per i Comuni alluvionati e colpiti dal maltempo in provincia di Benevento. Sarà – ha detto il sottosegretario Umberto Del Basso De Caro – una ‘tirata d’orecchie’ per i sindaci che ancora non hanno provveduto a comunicare la prima stima dei danni: allo stato solo 18 su 61 comuni danneggiati nel Sannio lo hanno fatto. Vorremo solo che tutti portassero maggiore rispetto per il dramma di centinaia di famiglie e di imprenditori che hanno perso tutto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*