Pd vuole prima voto per la Provincia e poi staccherà la spina a Ciampi

Questa mattina sarebbero già potuti andare dal notaio Pesiri per presentare le dimissioni contestuali e mettere fine all’amministrazione. Ma sarebbe mancato il numero, infatti,sono necessarie le firme di 17 consiglieri comunali e, quelli pronti già a dimettersi sono solo in 10. Questo perchè, il partito democratico ha deciso una strategia diversa per mettere fine al sindacato di Vincenzo Ciampi ad Avellino. Non ci saranno delle dimissioni contestuali, ma sarà presentata una mozione di sfiducia in aula per dimostrare a tutta la città la completa inattitudine al governo del primo cittadino e dei cinque stelle. La mozione, però, sarà presentata solo a Novembre. Il pd vuole licenziare prima il bilancio che dovrebbe arrivare in aula la prossima settimana e poi votare le provinciali, in programma, invece, il 31 di ottobre. Qualcuno, però, fa notare che se qualche consigliere comunale democratico dovesse essere eletto a palazzo Caracciolo, l’agonia potrebbe continuare. Queste, però, al momento sono solo congetture. La linea ufficiale di via Tagliamento è quella di staccare la spina a novembre. Intanto, nella serata di ieri, il consiglio comunale di Avellino ha bocciato le linee programmatiche presentate dal primo cittadino. A Ciampi, i consiglieri che hanno votato no, hanno ricordato come il programma fosse stato copiato da quello del sindaco di Verona. Non solo, è stato sottolineato da tutti i contrari come non ci sia stata alcuna apertura per dare un governo responsabile alla città. Ciampi, dal canto suo , ha sottolineato che non si dimette per tenere accesa la speranza dei cittadini che lo hanno votato. Dunque, ha sfidato le opposizioni a sfiduciarlo anche prima delle provinciali. Ha difeso, infine, il suo programma che, a parer suo, rappresenta il cambiamento in una comunità da sempre dominata dal malaffare e dal clientelismo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.