Piano di Zona A04: finalmente tutti cominciano ad aprire gli occhi, no al ritorno dei soliti noti. Massima trasparenza. La Procura vigili!

La Cgil si indigna e lo fa a ragione. Il segretario generale del sindacato Franco Fiordellisi, in un infuocato comunicato stampa sottolinea che, in attesa dell’avvio dell’azienda speciale che gestirà i servizi sociale dell’ambito A04, l’attività dell’ufficio di piano non si può fermare. Non solo cosa davvero importante è il fatto che scopra come negli ultimi tre anni non sono stati erogati servizi alle persone più disagiate dei sedici comuni. Che dire? Benvenuto al numero uno della Cgil, visto che questa testata sta denunciando da anni una situazione assurda. E da anni, a parte i sindaci della Valle, si è trovata sempre da sola. Basti pensare, per fare solo un piccolo esempio, ai cinque bimbi allontanati dal loro nucleo familiare a Roccabascerana e al fatto che l’amministrazione comunale non ha i fondi per pagare la retta in un istituto adeguato. Forse, la Cgil ma anche gli altri sindacati, per carità,erano distratti anche quando i bambini diversamente abili della zona non avevano un punto di aggregazione o quando agli anziani è stata sospesa l’assistenza integrata. Tutto di un colpo, invece, arriva una seria preoccupazione da parte del sindacato. Sull’argomento, ad esempio, la Cgil, nell’arco di soli tre giorni, ha inviato ben due comunicati stampa. Che dire? Ottimo! Attenzione, però, ci auguriamo che questo interessamento ci sia anche quando bisognerà costituire l’azienda speciale, scegliere il direttore generale e le figure dell’ufficio di piano. Ci auguriamo che i sindacati chiedano la massima trasparenza, e la più completa lontananza di alcune pratiche. Proprio qualche giorno fa, vi abbiamo ricordato come il vecchio ufficio di piano ha sfruttato lavoratori per oltre venti anni, nel più assoluto silenzio di tutti, anche, guarda un po’ dei sindacati. Non vorremo che l’azienda speciale consortile faccia di nuovo le fortune di qualche solito noto e la gente che ha bisogno venga di nuovo dimenticata, per essere tirata fuori al primo nuovo affidamento. Queste pratiche non dovrebbero funzionare mai pià perchè davvero si perpetuano sulla pelle di coloro che hanno bisogno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.