Piano di Zona A04: i politici litigano, i servizi sociali languono.

Un piano di zona che non riesce a decollare, una vera e propria Cenerentola che non riesce ad assistere nessuno, in un territorio dove ce ne sarebbe davvero un gran bisogno. I servizi erogati sono al minimo e la questione è accolta nel più completo disinteresse di tutti. Stiamo parlando del sempre più tormentato piano di zona A 04, che è in attesa di essere commissariato, come ha deciso l’assessore regionale Fortini. In attesa di questo, però, ieri si è registrato l’ennesimo flop. L’assessore ai servizi sociali del comune di Avellino, Teresa Mele, per ieri aveva convocato una riunione con i consiglieri di maggioranza per illustrare le prospettive davvero poco rosee del settore e per fare il punto del percorso verso il commissariamento. Ma alla riunione hanno preso parte solo quattro consiglieri e sono assenze che la dicono lunga sul reale coinvolgimento della politica avellinese verso questo tema delicatissimo. Proprio la supponenza del comune capoluogo, il non voler tenere nella debita considerazione le necessità degli altri 15 comuni, tra cui i quattro paesi della Valle Caudina irpina, ha procurato delle spaccature insanabili che hanno portato al commissariamento, Intanto, però, si perde del tempo prezioso, perchè non si riesce ad attingere ai fondi comunitari e a quelli regionali. La cosa che fa più rabbia è che in questo modo vengono lasciate allo sbando le persone che avrebbero bisogno di maggiore protezione. Il piano sociale di zona, infatti, dovrebbe occuparsi di indigenti, ragazze madre, anziani, persone ammalate ed i portatori di handicap. Dovrebbe, purtroppo, non si può che usare il condizionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.