Piano di Zona A04: Pisano, via libera azienda speciale consortile.

E’ notevolmente soddisfatto il vice presidente del coordinamento istituzionale del piano sociale di zona A04, il sindaco di di San Martino Valle Caudina Pasquale Pisano. All’unanimità, i sindaci dei sedici comuni che fanno parte dell’ambito, hanno dato il via libera alla nascita dell’azienda speciale consortile che dovrà erogare i servizi ai cittadini. Non solo, sempre all’unanimità, i primi cittadini hanno approvato lo schema di convenzione e di regolamento. In modo tale che, ognuno di loro, potrà andare solo una volta in consiglio comunale per farsi dare il via libera dalle rispettive assemblee su tutti i tre punti. La riunione si è svolta nella sala conferenze del comune di Avellino. Vi ha preso parte, come aveva assicurato, anche l’assessore regionale ai servizi sociali. E, molto atteso, il padrone di casa, il sindaco di Avellino, Vincenzo Ciampi. Senza l’assenso del comune capoluogo che, da solo conta la metà degli abitanti dell’ambito, l’azienda non potrebbe mai nascere. L’ultimo scoglio, però, è rappresentato proprio dal consiglio comunale di Avellino. Come è noto, infatti, il primo cittadino pentastellato, in aula non ha la maggioranza. Ma, questa volta, l’assemblea potrebbe esprimersi positivamente. Prima della riunione del comitato istituzionale, infatti, i quattro consiglieri regionali irpini, Maurizio Petracca, Enzo Alaia, Francesco Todisco e Rosetta D’Amelio, hanno tenuto una conferenza stampa a palazzo di città proprio per perorare il via libera dell’azienda speciale. Ognuno di loro ha dei riferimenti in consiglio comunale, quindi, la proposta potrebbe essere varata in modo bipartisan. E’ inutile ricordare che da due anni e mezzo, i cittadini di questo ambito non hanno più alcun servizio, proprio perchè è bloccato l’ufficio di piano. Secondo Pisano, che abbiamo sentito, subito dopo la fine della riunione, entro un mese tutti i consigli comunali potrebbero aver dato il via libera e, quindi, l’azienda potrebbe nascere in modo celere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.