Piano di Zona A4: approvata la programmazione triennale.

La programmazione triennale 2016/2018 è stata approvata, ma restano tutti i dubbi sulla partenza effettiva dei servizi. Tregua tra i 15 centri di zona sociale A 4 ed il comune di Avellino. Tregua momentanea, perchè palazzo di città, dopo aver proposta e fatta approvare la programmazione, dovrà dar seguito e fare in modo che i servizi sociali, finalmente, possano partire. E, su questo, ci sono tutte le perplessità da parte dei comuni, come ci ha spiegato il vice sindaco di Rotondi, Claudio Vittorio. “ Per senso di responsabilità, ci ha detto Vittorio, abbiamo dato il via libera alla programmazione, anche se Avellino non si è voluto confrontare mai con noi comuni più piccoli. Se non avessimo votato in modo favorevole, dice ancora Vittorio, ci sarebbe stato un commissariamento regionale. Cosa, anche questa sperimentata in passato, che non ha portato alcun beneficio ai cittadini dei nostri comuni. La struttura del comune di Avellino, secondo il vice sindaco che parla a nome di tutti i centri più piccoli, non è in grado di gestire tutti i servizi sul territorio. Da tempo chiediamo alla regione Campania di scindere le due realtà territoriali, da una parte ci deve essere solo la città di Avellino e dall’altra solo noi comuni più piccoli. Da palazzo Santa Lucia ci danno sempre assicurazioni, ma sino ad oggi continuiamo in questo modo e, purtroppo, a pagare le spese sono i nostri cittadini, quelli più deboli, quelli che avrebbero bisogno di assistenza e servizi che non arrivano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*