Piano di Zona A4: martedi 29 si eleggono presidente e vice presidente.

Dovrebbe essere la volta buona. Ma trattandosi del piano sociale di zona A 4, il condizionale resta d’obbligo. I sindaci dei sedici comuni che fanno parte dell’ambito sono stati convocati per martedì 29 agosto,a palazzo di città ad Avellino per eleggere presidente e vice presidente. Questo vuol dire che, finalmente, dopo quasi tre anni di stallo i servizi sociali che eroga l’ambito possono ripartire ed è stato anche scongiurato il commissariamento. La presidenza va al comune di Avellino che da solo fa gli stessi abitanti degli altri 15 paesi messi insieme. La vice presidenza, invece, dovrebbe andare al sindaco di Cervinara, Filuccio Tangredi, proprio in rappresentanza dei comuni più piccoli. I grandi problemi del piano di zona A sono nati quando si è deciso di accorpare i 15 comuni con il capoluogo. Le esigenze sono molto diverse e questo ha creato non pochi conflitti, generando, però, una paralisi completa di tutti i servizi. Una situazione che grava sulle classi meno ambienti, in quanto i servizi sono proprio a loro destinati. Ma, qualcosa si sta muovendo, Proprio nei giorni prima di ferragosto, ad esempio, si è riusciti ad erogare il contribuo, si tratta di poche centinaia di euro, alle famiglie incapienti. Era un aiuto che si attendeva da più di un anno, ma proprio la paralisi del piano sociale di zona, impediva di erogare. Così, martedì prossimo ci potrebbe essere la svolta tanto attesa per far partire tutti i servizi che riguardano, oltre alle persone incapienti, anziani, disabili, minori a rischio e ragazze madri. Sono gli anelli più deboli della nostra società e devono essere, assolutamente, aiutati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*