Pirateria per tv streaming, 5 denunciati,50 siti sequestrati

La Guardia di Finanza ha stroncato un gruppo di pirati informatici che offriva via web film, eventi sportivi, serie tv e concerti sia in streaming live, cioè in diretta, sia “on demand”. Cinque persone sono state denunciate, 41 server dislocati in tre continenti sono stati oscurati, tre server in Italia sequestrati così come 50 siti illegali. Le indagini svolte dal Nucleo Speciali Frodi tecnologiche del Comando Unità Speciali, che ha eseguito numerosi perquisizioni in varie refioni italiane, sono state coordinate dal pm di Roma Nicola Maiorano, titolare dell’ inchiesta. Gli investigatori hanno spiegato che tutti i siti su server situati in Italia e all’ estero proponevano veri e propri palinsesti per facilitare la scelta del programma preferito e richiedevano un abbonamento mensile di dieci euro a fronte di una offerta commerciale pari a circa cento euro. Le cinque persone denunciate rischiano fino a quattro anni di carcere. Con l’ operazione “Match of 2.0” conclusa oggi è stato accertato che in una community erano registrati più di 340 mila utenti: considerando che tutti abbiano sottoscritto un abbonamento illegale la stima del volume di affari si aggira sui 3 milioni e 500 mila euro al mese, ossia oltre 40 milioni l’ anno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*