Prepariamoci ad una emergenza rifiuti. La chiusura dello Stir era nell’aria, perchè non si sono trovate alternative?

La chiusura dello Stir di Pianodardine era nell’aria e non si comprende il perchè la società provinciale Irpiniambiente non abbia predisposto per tempo soluzioni alternative. Si parla tanto di efficienza, ma poi alla prima difficoltà questo carrozzone va in crisi. Ora naturalmente è stato disposto il blocco della raccolta della frazione umida nei 58 comuni serviti da Irpiniambiente, la speranza è che si trovi una soluzione, non vorremmo che anche i cittadini che fanno la differenziata correttamente incomincino a buttare l’umido nel sacco nero.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*