Presidio Ospedaliero S.Alfonso de’Liguori. Il Consiglio Comunale è compatto.

Così come preannunciato il Consiglio Comunale monotematico, convocato d’urgenza, per discutere la problematica de “P.O. S. Alfonso de’ Liguori” di Sant’Agata de’Goti che il nuovo Piano Ospedaliero Regionale, varato dal commissario ad acta, vorrebbe fortemente ridimensionato, ha sancito la ferma ed unanime opposizione del parlamento civico ai due decreti (30/16 e 33/16) che porterebbero all’annullamento della legge che destinava il nosocomio a Polo Oncologico Pluri-Territoriale e addirittura all’eliminazione dei reparti di Oncologia e di Cardiologia, riducendo i posti letto dagli attuali 100 a 76.
Ampio e dettagliato l’intervento sindaco Carmine Valentino che, dopo l’introduzione del presidente del Consiglio Comunale Nicoletta Vene, ha inteso anche ringraziare tutti coloro i quali, in rappresentanza delle istituzioni civili, religiose, politiche e delle associazioni territoriali, hanno accolto l’invito/appello al fine di scongiurare l’ipotesi di ridimensionamento del P.O. de’Liguori, unico ospedale dell’Asl Benevento. Anche il Consiglio Provinciale di Benevento, così come sottolineato dal consigliere provinciale e capogruppo PD Renato Lombardi, ha inserito all’ordine del giorno dell’assemblea convocata per il 27 maggio, la problematica a “Polo Oncologico S.Agata d’Goti” esprimendo forte e vibrata protesta per la cancellazione dal Piano Ospedaliero della Regione Campania nella Macro-Area Sannio-Irpinia del Polo Oncologico Pluri-territoriale presso il presidio ospedaliero “Sant’Alfonso Maria de’ Liguori” in Sant’Agata de’ Goti.
Numerosi gli interventi in aula da parte di tutti i consiglieri che, con grande senso di responsabilità e con univocità di vedute, hanno espresso, a più riprese, contrarietà rispetto ai decreti del commissario ad acta Polimeni, chiedendo e proponendo di mettere in campo ogni azione utile al fine di sovvertire questi provvedimenti che priverebbero il Sannio di una struttura sanitaria che invece doveva rappresentare un punto fermo e d’eccellenza.
Ratificate dall’assemblea all’unanimità, come richiesto dal sindaco Carmine Valentino già in sede di conferenza dei capigruppo, le due delibere di giunta, numero 78/16 ed 82/16 con le quali l’Amministrazione Comunale ha deciso di impugnare, dinanzi alle competenti autorità giudiziarie, gli atti del commissario straordinario alla Sanità Regionale.
Intanto si registra, come ha fatto notare anche in aula il sindaco Valentino, fermento tra la popolazione che si sta attivando (ancora una volta come nel 2009), a quanto si apprende anche dalla stampa locale, per fronteggiare, con azioni di protesta e comitati civici, queste assurde decisioni che di fatto rappresentano la pre-chiusura di un ospedale nato come fiore all’occhiello della sanità campana!
Attraverso i social è stato lanciato il messaggio “La salute non si tocca!” con l’hashtag #NoiNonStaremoaGuardare che sta ricevendo migliaia di condivisioni tra i cittadini mentre sulla rete civica comunale www.santagatadegoti.net è stata predisposta un’apposita e dettagliata sezione contenente tutti i documenti, scaricabili, che riguardano le attività poste in essere dall’amministrazione in merito alla problematica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*