Prete restituisce i soldi per le comunioni perchè sono pochi, fedeli scrivono al vescovo Accrocca.

Arriva da Montemiletto, dalla frazione Montaperto un’altra bruttissima storia che vede protagonisti i preti della Diocesi di Benevento. Sulla vicenda dovrà ora fare piena luce il vescovo di Benevento, Felice Accrocca. Al presule i fedeli hanno espresso «rammarico per il singolare episodio», invitando l’alto prelato a «suggerire al nostro parroco di evitare in futuro atteggiamenti dispotici e offensivi». Protagoniste sei famiglie ed altrettanti ragazzi che hanno fatto la prima comunione. I genitori si recano insieme dal sacerdote e consegnano la “classica” offerta. Per evitare polemiche i genitori si sono messi d’accordo, tutti mettono nella busta la stessa cifra, venti euro. Ma il parroco scrive a cinque delel sei famiglie restituendo i soldi con una frase eloquente. «Vi restituisco questi soldi che non rientrano nel cammino della comunione». Evidentemente i familiari dei ragazzini non avrebbero dovuto accordarsi sulla stessa cifra. Don Pasquale nella lettera inviata ai genitori e con la quale restituiva il denaro aveva inoltre scritto: «Non sono stato chiaro nel dirvi che ciascuno doveva fare un’offerta per la chiesa secondo la proprie possibilità. Questa è la norma che la chiesa ci dice e noi da anni viviamo. L’ho spiegato più volte, senza arroganza, né prepotenza. E neppure, come qualcuno ha detto, ho mai chiesto delle cifre. Pensavo che lo aveste capito, ho sempre rifiutato atteggiamenti furbi, e usare la chiesa per qualche soddisfazione personale contro qualcuno. O peggio, usarla…».
« Ma – dicono i parrocchiani – non è comunque bello vedersi restituire quello che è un regalo. Crediamo – hanno aggiunto – che l’offesa sia stata perpetrata non solo nei confronti delle cinque famiglie, ma contro tutta la comunità».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.