Protestano i Vigili del fuoco aderenti al Conapo.

Stipendi da 1.300 euro dopo vent’anni di servizio, nessuno scivolo pensionistico e nessuno scatto a fine carriera così come le altre forze di polizia. Per questi motivi i vigili del fuoco sono sul piede di guerra e questa mattina stanno manifestando a Roma contro il governo per chiedere l’equiparazione previdenziale e pensionistica agli altri Corpi. La protesta è organizzata dal Conapo, il sindacato della categoria. “C’è una forte sperequazione sugli stipendi, prendiamo dai 300 ai 700 euro in meno rispetto a colleghi di altri comparti, non abbiamo i benefici delle altre forze, niente scatti di fine carriera, niente scivoli”. Secondo il Conapo “bisogna restituire ai vigili del fuoco la stessa dignità lavorativa degli altri corpi in quanto siamo ancora ben lontani dalla piena equiparazione retributiva e pensionistica”. Il governo aveva promesso ulteriori 50 milioni per il riordino delle nostre carriere e 1700 assunzioni straordinarie di vigili del fuoco già nel 2017 ma secondo il sindacato “il governo sta stanziando anche 977 milioni di euro per il riordino delle carriere del forze di polizia e armate e quindi i pompieri resteranno comunque penalizzati con questa goccia nel mare mentre meritano molto di più”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.