Reggia Caserta e comuni Partenio in rete, c’è intesa

La Reggia di Caserta si “mette in rete” con l’abbazia di Montervergine e i comuni irpini del parco regionale del Partenio nell’ambito di un innovativo e ambizioso progetto di marketing territoriale. L’intesa, salutata dal direttore della Reggia Mauro Felicori come “un prototipo di partnership tra enti locali e istituzioni museali per la reciproca promozione e valorizzazione turistica che può diventare un modello in tutto il Sud e nel resto del Paese”, è stata siglata oggi al teatro di corte del Palazzo Borbonico patrimonio dell’Unesco alla presenza, oltre che dello stesso Felicori, dell’abate di Montevergine Don Luca Riccardo Guariglia, del presidente del Parco Regionale del Partenio Giuseppe Zampino, dei sindaci dei comuni avellinesi di Mercogliano, Massimiliano Carullo, e Summonte, Pasquale Giuditta; assente per motivi personali il primo cittadino di Ospedaletto d’Alpinolo Antonio Saggese, sostituito da un delegato. Tra le attività in cui si concretizzerà la collaborazione tra i firmatari quella relativa alla comunicazione, con la Reggia, dotata di un proprio ufficio stampa, che promuoverà le iniziative delle altre parti, come il Festival “Sentieri Mediterranei” di Summonte, appuntamento che si rinnova da quasi 20 anni e che per questa edizione vedrà come direttore artistico Enzo Avitabile. L’artista napoletano, oggi presente, ha spiegato che “le risorse per il Festival non sono molte ma faremo un evento di qualità”. La Reggia farà dunque da “traino” per gli altri enti. “Il Festival – annuncia il sindaco di Summonte Pasquale Giuditta – lo presenteremo alla Reggia. Per noi questo protocollo rappresenta una svolta; ci aspettiamo che la Reggia, con la sua enorme visibilità, porti un aumento di turisti anche da noi. Ed intanto pensiamo di fare rete anche con Matera, che sarà capitale della cultura europea nel 2019. Nei prossimi giorni incontreremo il presidente della Fondazione Matera”. “Palazzo Reale – ripete Felicori – non è un’astronave, ma un monumento che deve diventare centrale per il rilancio di tutto il territorio che lo circonda. L’Irpinia è una provincia piena di ricchezze monumentali e naturali che vanno valorizzate; ma per farlo è necessario creare sistema tra i vari soggetti istituzionali, partendo dal basso, anche per stimolare l’impegno insostituibile della Regione che deve obiettivamente fare di più in termini di promozione turistica”. L’intesa prevede una collaborazione nella “redazione di progetti comuni, nello scambio di esperienze e buone pratiche, nei rapporti con le autorità provinciali, regionali, nazionali ed europee, e nella ricerca di finanziamenti”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.