Riciclaggio fondi Fatebenefratelli, coinvolti tre avvocati. La sentenza della cassazione.

Avrebbero secondo l’accusa distratto 11 milioni e 156 mila euro destinati all’ospedale Fatebenefratelli. Una vicenda rimbalzata agli onori delle cronache nel lontano 2010 e che ieri sera si è conclusa con il pronunciamento della Cassazione. La difesa aveva chiesto l’annullamento delle condanne con rinvio dinanzi alla Corte d’appello, ma la Cassazione ha stabilito l’intervenuta prescrizione dell’accusa per due imputati e la conferma della pena per un terzo. In particolare: la prescrizione del reato di intestazione fittizia dei beni è stata dichiarata per Marco Cocilovo, 56 anni, di Benevento, e Mauro Di Monaco, 49 anni, di Santa Maria Capua Vetere. Ribadita, invece, la condanna a 2 anni e 8 mesi per Mario Itro, 61 anni, anch’egli di Benevento. Si tratta dei tre avvocati coinvolti in un’inchiesta antiriciclaggio diretta dal pm Giovanni Tartaglia Polcini e condotta dal Nucleo di polizia tributaria della Guardia di finanza. In primo grado – il 2 maggio 2012 – il Tribunale aveva inflitto 4 anni a Cocilovo e Itro, 3 a Di Monaco. Per tutti l’interdizione dai pubblici uffici per 5 anni, oltre al risarcimento dei danni, da liquidarsi in separata sede, una provvisionale di 1 milione di euro in favore del ‘Fatebenefratelli’.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*