Ridotte lievemente le pene per Domenico Pagnozzi e la moglie.

La Corte di Appello di Napoli, a seguito di una lunga camera di consiglio ha ridotto lievemente le pene per i 5 imputati coinvolti in un processo per associazione a delinquere, cracking bancario, estorsione e turbativa d’asta. Si tratta della moglie di Domenico Pagnozzi, detto ‘o professore, Annamaria Rame, la cui pena da 12 anni è stata ridotta a 10. Lo stesso Pagnozzi da 5 anni dovrà scontarne 4 di reclusione, da 12 a 11 anni per il commercialista Umberto Fiore, domiciliato a Roma ma originario di Paupisi.Confermata la pena a 10 anni di reclusione per Ferdinando Silenti, mentre Salvatore Cavaiuolo è stato assolto dal reato a lui ascritto perchè il fatto non sussiste e, per l’effetto, la Corte ha rideterminato la pena allo stesso inflitta per il residuo reato in anni sei di reclusione. Il team difensivo era composto dagli avvocati Dario Vannetiello, Gaetano Aufiero, Sergio Moccia, Vincenzo Maiello e Alfonso Furgiuele

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*