Rifiuti: differenziata, Campania sigla intesa con Conai

Per aiutare i Comuni ad aumentare la raccolta differenziata dei rifiuti (che sia anche di buona qualità) la Regione Campania ha siglato oggi una convenzione con il Conai, il Consorzio per il recupero degli imballaggi. I Comuni interessati sono 25 (inclusa la città di Napoli) con un bacino di utenza di circa un milione e settecentomila abitanti, dove la raccolta differenziata al momento non ha raggiunto la soglia del 45 per cento. L’obiettivo è quello di arrivare al 65%. Un piano articolato (i programmi operativi saranno pronti entro trenta giorni) che prevede l’avvio di un percorso di stabilizzazione degli addetti del Consorzio unico di bacino di Napoli e Caserta. Un piano di incentivo della raccolta differenziata che, come ha spiegato il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca, prevede un investimento complessivo di 45 milioni di euro. Il Conai provvederà a seguire la fase di start up del servizio, oltre a promuovere campagne di sensibilizzazione e comunicazione verso la cittadinanza. Il protocollo di intesa è stato firmato questa mattina da De Luca, dal presidente del Conai, Roberto De Santis, e dal presidente di Anci Campania, Domenico Tuccillo. I Comuni interessati sono Avellino, Capua, Castel Volturno, Gricignano d’Aversa, Mondragone, Orta d’Atella, San Marcellino, San Nicola la Strada, Sant’Arpino, Villa Literno, Maddaloni, Afragola, Arzano, Caivano, Casandrino, Casavatore, Forio, Marano di Napoli, Melito di Napoli, Napoli, Sant’Antonio Abate, Villaricca, Ercolano, Nocera Inferiore e Pagani. “L’incremento della raccolta differenziata – ha spiegato De Luca in una conferenza stampa – è l’elemento chiave del nostro piano. Ed è una sfida civile: per questo dovremo avere un lavoro straordinario di mobilitazione delle amministrazioni comunali”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*