Rifiuti: G.Romano, piano approvato è sostanzialmente truffa

“Il nuovo piano rifiuti solidi urbani, recentemente approvato dal Consiglio regionale, è sostanzialmente una truffa”. Cosi Giovanni Romano, già assessore regionale all’ambiente. “Non lo diciamo noi, – sottolinea Romano – ma lo attesta, in una comunicazione che è pervenuta agli inizi di gennaio, il Ministero dell’Ambiente che ha esaminato il piano e sostanzialmente lo ha bocciato. Il piano – ricorda Romano – si basa su cifre che non sono rispondenti alla reale situazione della nostra Regione. Innanzitutto perché i rifiuti da trattare sono superiori a quelli indicati nel Piano: non c’è nessuna diminuzione della quantità dei rifiuti prodotti ogni giorno dai cittadini, ma c’è addirittura un aumento”. “In secondo luogo, – aggiunge Romano – perché il Piano si basa sul raggiungimento di una percentuale di raccolta differenziata al 2016 del 55% mentre invece Ispra, e quindi il Ministero dell’Ambiente, attesta che siamo ancora al di sotto del 50%, intorno al 49%. Si è quindi fermato il trend di crescita della raccolta differenziata che invece avevamo avuto negli ultimi 5 anni. È evidente che un piano basato su queste quantità è un piano che non potrà essere efficace, non potrà portare definitivamente a soluzione il problema del ciclo integrato dei rifiuti nella nostra regione”. “Il Piano è falso anche per un altro motivo: fa ricorso, avendo escluso trattamenti di termovalorizzazione, esclusivamente a discariche. Circa 2 milioni di tonnellate di rifiuti dovranno andare in discariche nei prossimi anni, ma il piano non indica dove saranno realizzate. Noi riteniamo – conclude – che il Piano vada interamente rivisto, così come chiede il Ministero dell’Ambiente, anche per evitare che la sanzione europea possa ulteriormente aggravarsi e quindi diventare un ulteriore onere per i nostri cittadini”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*