Per il rogo di Atripalda nuova ordinanza sindacale.

Dopo l’incendio, presso la ditta Urciuoli, dello scorso 12 luglio si è tenuto un nuovo incontro presso la sede municipale con i tecnici dell’ azienda sanitaria locale e dell’Arpac. Nella riunione si è discusso dei primi risultati pervenuti dal monitoraggio della qualità dell’aria, cominciato con l’installazione di una centralina, nelle ore immediatamente successive al terribile rogo. Sulla scorta dei dati raccolti una nuova ordinanza sindacale, stabilisce il divieto di utilizzo di frutta e verdura coltivata nei terreni ricadenti in un raggio di 500 metri dalla sede dell’incendio e non più sull’intero territorio comunale. Il sindaco precisa che detti terreni saranno meglio individuati dopo l’esito dei risultati delle analisi puntuali sul suolo e sui prodotti agricoli ed ortivi da parte dell’Arpac e del dipartimento di prevenzione dell’ASL di Avellino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*