Rotondi. Il Comune vanta somme per circa un milione di euro.

Tenere i conti in ordine, far quadrare i bilanci, per i piccoli comuni diventa sempre più difficile. Le difficoltà sono enormi, visto che si riducono le rimesse statali, bisogna rispettare il patto di stabilità e si deve cercare di non aumentare le tasse per i cittadini. Gli amministratori, sindaci ed assessori, fanno i salti mortali ma, a volte, neanche i salti mortali sembrano bastare. Neanche tenere i conti, perfettamente, in ordine, non sgarrare neanche di un centesimo, sembra essere sufficiente. Ne sanno qualcosa sindaco ed assessori del piccolo comune di Rotondi. Il 26 di aprile, la giunta guidata dal primo cittadino Antonio Russo, porterà in aula il bilancio per l’approvazione da parte del consiglio. Si tratta di una manovra economica di circa due milioni di euro, un bilancio, perfettamente, in attivo, con attenzione al sociale e nessun aumento tariffario. Nonostante questo, però, nonostante gli amministratori non facciano le cicale, il comune deve fare i salti mortali per non avere problemi di cassa. Questo perché, il piccolo centro caudino è entrato in una piccola spirale di crediti non pagati. Di recente,l’ente ha vinto davanti al tribunale un importante contenzioso con l’Alto Calore servizi e questo darà un poco di serenità a chi deve fare i conti, visto che è in dirittura di arrivo un accordo con la società di Corso Europa. Ma ci sono altre situazioni, in cui il piccolo comune, avanza dei soldi e gli altri enti fanno finta di non vedere e posticipano sempre il pagamento. Ad esempio, il comune di Volturara Irpina deve a Rotondi, la cifra di circa 30 mila euro. I due centri hanno la stessa segretaria comunale e la legge vuole che, in questi casi, sia il comune capofila a pagare per intero stipendi ed oneri sociali alla funzionaria, salvo poi ottenere dai consociati la cifra che spetta loro. Rotondi è il capofila e continua a versare ciò che è dovuto, ma sino ad ora da Volturara fanno orecchie da mercanti. Ancora più grave, si aggira, infatti, su i 150 mila euro, la somma che il piccolo centro deve avere dalla regione Campania. In questo caso si tratta della stabilizzazione dei lavoratori socialmente utili. La regione dovrebbe pagare la propria parte ma non lo fa ed il comune deve anticipare perchè ai lavoratori deve essere assicurato lo stipendio. Sempre la regione deve versare gli interessi per i mutui ma neanche questi arrivano. A conti fatti, Rotondi, tra Alto Calore, comune di Volturara Irpina e regione Campania deve ottenere una cifra che sfiora il milione di euro ossia, la metà del bilancio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.