Rotondi. I fucilieri della Stella. Arte, musica e devozione tra Rotondi e via Varco.

Inizia a prendere forma, sempre più concreta, il progetto: I fucilieri della Stella. Arte, musica e devozione tra Rotondi e via Varco. Si tratta del progetto che l’amministrazione comunale di Rotondi, guidata dal sindaco Antonio Russo, si è visto finanziare, dal Poc T urismo della regione Campania, per un importo di 70 mila euro. Le fasi di realizzazione dell’intervento sono curate dagli assessori Pasquale Gallo ed Annarita Farese. Questa mattina, gli artisti di via Varco ed il direttore artistico Marco Tonelli, si sono incontrati e confrontati con il maestro Giosuè Grassia, responsabile del dipartimento delle nuove tecnologie di musica e linguaggio del conservatorio Nicola Sala di Benevento e con il direttore del conservatorio, il maestro Peppino Ilario. Quest’anno, infatti, la grande sfida che parte da Rotondi è quella di proporre opere sonorizzate. I gemelli Perone, Eugenio Giliberti, Umberto Manzo e Perino&Vele, realizzeranno opere a quattro mani con il conservatorio. Ciò vuol dire che le installazione avranno anche una sorta di colonna sonora e o un’anima musicale. Saranno esperienza molto particolari, anche perché, questa avanguardia artistica, si salda con una delle tradizioni più radicate di Rotondi, ossia, quella dei fucilieri che, la mattina della Santa Pasqua, accompagnano la discesa di Maria Santissima della Stella in paese, con gli spari dei loro archibugi-

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.