Sacripanti artefice del miracolo Scandone

Stefano Sacripanti ad Avellino è stato protagonista di una sorta di miracolo. Ha saputo infatti creare un gruppo che sui parquet di tutta Italia ha saputo imporre il proprio gioco. Ed è proprio da questo che ripartirà l’avventura della prossima stagione. Il duo Alberani-Sacripanti ha saputo scrivere una pagina importante di basket che certamente non puo’ essere cancellata dall’esito di gara sette con Reggio Emilia. Le due squadre si sono equivalse e alla fine il fattore campo è stato il fattore che ha determinato il successo degli emiliani. Pino Sacripanti è riuscito a disegnare un percorso straordinario, fatto di dodici vittorie di fila in stagione, ed ha saputo far innamorare del basket anche coloro che prima stravedevano solo per il calcio. Un miracolo quello del coach, mai in Irpinia la Scandone ha avuto tanti tifosi, e per diversi giorni ha messo nell’angolo l’interesse per i colori biancoverdi calcistici. Grazie a Sacripanti la Sidigas è tornata anche in Europa. Infatti l’approdo in semifinale significa per questo gruppo la fase a gironi della Champions League Basketball, la competizione europea nata per volontà della Fiba dopo lo strappo con l’Euroleague. Ora Alberani e Sacripanti sono chiamati a sostituire i pezzi da novanta della squadra. Infatti Nunnaly e Ragland sono destinati alle squadre di punta del basket europeo, come del resto Ivan Buva. Non sarà facile trovare i sostituti ma molto dipenderà dal budget che il patron De Cesare metterà a disposizione per allestire il roster.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*