San lorenzo Maggiore. Tra “I Battenti del Venerdi Santo”.

Dopo il grande successo de “Il Martirio di Lorenzo”, l’associazione culturale – teatrale “A. Lamparelli” torna con la mostra fotografica “I battenti del venerdi’ santo – il racconto della tradizione”. La mostra è promossa dall’associazione “A. Lamparelli” in collaborazione con il comune di San Lorenzo Maggiore, la regione Campania – Assessorato allo sviluppo e promozione del turismo nell’ambito del POC Campania 14-20. La mostra raccoglie le fotografie più toccanti e significative di una delle manifestazioni religiose più sentite dai laurentini e raccoglie documenti e oggetti antichissimi, testimonianze di una fede e di una tradizione antichissime. Non ci sono purtroppo documenti che attestino la data precisa dell’inizio di questa manifestazione di fede , ma da quello che raccontano le persone più anziane, è una pratica nata contemporaneamente al Medioevo. Il venerdì , la mattina presto, i credenti si riunivano nella chiesa di San Rocco per portare in processione la Madonna Addolorata e Gesù morto. Il corteo era aperto da un nutrito gruppo di ragazzi, coronati di spine, cinti di funi al torace e alle spalle, agitanti il “fracasso” per riprodurre lo strepito fatto dai Giudei durante la passione di Gesù. Dopo di loro si disponevano i “battenti”, che indossavano un camice bianco e un cappuccio per non mostrare i volti, in modo da evitare di essere riconosciuti. Per manifestare la propria volontà di penitenza, essi si battevano (da qui il nome “battenti”) con le “discipline”, piccole piastre di ferro o catene. Ancora oggi i battenti di ogni età, maschi e femmine, con un camice bianco simbolo della purificazione , con un cappuccio forato agli occhi che li rende irriconoscibili e con la testa circondata da una corona di spine, continuano a flagellarsi con le discipline.
L’appuntamento con l’esposizione fotografica va a Martedì 27 marzo 2018 alle ore 17.00 , presso la sede dell’associazione in p.zza Antinora, 2 a San Lorenzo Maggiore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.