San Martino V.C.. Errore Ta.Ri, verrà corretto dal Consiglio Comunale.

La settimana prossima sarà convocato il consiglio comunale per correggere il piano rifiuti e, quindi, per evitare ai cittadini di pagare una quota maggioritaria della Ta.Ri.. Un piccolo esempio di come dovrebbero funzionare le istituzioni democratiche è arrivato da San Martino Valle Caudina. Quando si esercita il proprio ruolo sino in fondo, studiando i documenti con attenzione, non si può che far bene alla comunità. La stessa cosa avviene per chi sta al comando,riesce ammettere che c’è stato un errore e cerca di correggerlo. I consiglieri di minoranza del partito democratico, pochi giorni prima di Pasqua hanno sollevato la questione Ta.Ri.. San Martino Valle Caudina ha assegnato la raccolta dei rifiuti ad Irpiniambiente ed ha anche messo a disposizione l’oasi ecologica per farla diventare un punto logistico, in modo tale da assicurare un migliore servizio ai comuni della fascia del Partenio, Oltre San Martino Valle Caudina, infatti, di recente lo stesso accordo con Irpiniambiente lo ha stipulato anche il comune di Rotondi, mentre a Cervinara sono anni che le è stata affidata la gestione, A fronte di tutto questo, però, i consiglieri comunali del Pd hanno sollevato la questione, dati alla mano, di un aumento sensibile della tariffa. Immediatamente, la giunta, guidata dal sindaco Pasquale Pisano, ha approfondito la questione ed è stato scovato l’errore. Nel piano rifiuti mancava un avanzo di amministrazione di ben 25 mila euro che dovrebbe consentire un abbassamento della Ta.Ri. ad una larga fascia della popolazione, Ed ora il nuovo piano verrà corretto in consiglio comunale. Questo dimostra una cosa sola che il ruolo di consigliere comunale, sia di maggioranza che di opposizione non si può improvvisare, Bisogna studiare le carte leggerle con attenzione e poi denunciare, proponendo anche soluzioni. Purtroppo, sono molto rari i consiglieri comunali che si comportano in questo modo, anzi, si può dire lo stesso di tutti coloro che vengono eletti nelle assemblee elettive, anche quelle di maggiore importanza come le assemblee regionali, le camere ed il parlamento europeo. .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*