San Martino V.C. Gruppo consiliare PD Per il Domani- Circolo PD “M. Vellotti”: Una lunga “estate fredda”

Avremmo, molto volentieri, fatto a meno di scomodare il sommo poeta, disturbandolo dal suo riposo eterno, ma, per dare un’idea dell’estate che sta per salutarci, nel nostro amato paese, la citazione dal canzoniere del grande Giovanni Pascoli, ci è sembrata davvero opportuna e calzante. Ebbene, rispettabili concittadini, noi riteniamo che sia proprio cosi, ovvero che quella che sta per finire è stata, di gran lunga, “un’estate fredda”. Ed è stata, semplicemente lo specchio dell’attività di governo della nostra, ahinoi, amministrazione comunale, la quale, si accinge, tra pochissimi mesi, a “scollinare” o a “guadare” che dir si voglia, avviandosi alla seconda parte del proprio mandato. Detto questo, ci sembra doveroso sottoporvi qualche considerazione, anche perché, riteniamo, a poco più di due anni dal rinnovo del consiglio comunale e della giunta, bisogna cominciare a stilare un bilancio. Noi siamo, oggettivamente, molto delusi e fortemente critici; quella che doveva essere, nelle intenzioni e negli annunci, la giunta del cambiamento e del fare, si sta rivelando, a nostro modesto modo di vedere, tutt’altro. Non a caso abbiamo parlato in precedenza di “estate fredda”; sul piano della programmazione estiva, dell’intrattenimento, abbiamo assistito, praticamente, al nulla. Fatta eccezione per le manifestazioni organizzate dai vari comitati cittadini, tutte degne di stima e rispetto, e per il lodevole corteo storico (da non ascrivere alla giunta, perché patrimonio storico della pro loco di oggi e di ieri), l’amministrazione non è stata in grado di offrire alcunché; e vogliamo anche concedere qualche attenuante dovuta all’inclemenza delle condizioni atmosferiche, ma ciò non cambia, nella sostanza, la realtà dei fatti. Crediamo che voi cittadinanza e i tanti nostri compaesani che vivono fuori, tornati in agosto a far visita al luogo natio, avrebbero meritato ben altra accoglienza e un’offerta “turistico – ricreativa” notevolmente più adeguata. E la cosa sarebbe stata apprezzata, indubbiamente, anche dalle attività commerciali, le quali avranno certamente, invece, sofferto dell’immobilismo della giunta e della sua, a dir poco discutibile, programmazione. Ma, evidentemente, a chi ci amministra va bene ugualmente, tanto, fra qualche mese sarà Natale e una “fulgida luce” (della stessa giunta comunale) scenderà ad “illuminare” le nostre lugubri e tristi notti. E ci sarà anche una grande sorpresa, come annunciato dal sindaco in persona la sera del corteo storico, sarà vero?
Di tutto questo e di altre, secondo noi, manchevolezze, il giudizio di voi elettori dovrà pur tener conto, ne siamo certi, nel momento e nelle sedi opportune.
Passando a osservazioni più generali, riteniamo di poter sottoporre all’attenzione acuta di tutti voi numerose altre “questioni” di carattere amministrativo sulle quali abbiamo, e forse avete anche voi, molte perplessità. Qualche esempio? Opere pubbliche? Siamo, letteralmente, all’anno zero; in paese tutto è fermo, non c’è un cantiere commissionato dal comune che abbia iniziato a lavorare, eccezion fatta per l’oratorio parrocchiale, il cui progetto fa capo direttamente alla Curia (e non alla giunta comunale); o vogliamo segnalare come opera degna di rilevanza la sostituzione di qualche lampione lungo via Carlo del Balzo? Oggettivamente, ci sembra poca cosa. Fanno eccezione solo i lavori classificati come di “somma urgenza”, per i quali il Comune ha sborsato decine di migliaia di euro, tra agosto e settembre, ricorrendo all’affidamento diretto. Non sarebbe stato più opportuno, visti gli importi tutt’altro che irrisori, indire delle gare d’appalto per garantire maggiore trasparenza e possibilità di partecipazione? Per il resto, solo annunci roboanti e propagandistici in stile piattaforma Rousseau, (povero illuminismo!) progetti faraonici di cui, molto difficilmente, si potrà conoscere la fase esecutiva. A meno che non si tratti di questioni in capo alla giunta regionale (a guida democratica e di centro sinistra) dalla quale il nostro sindaco e i suoi sodali “a cinque stelle” traggono spesso beneficio, come, ad esempio, l’impegno dell’assessore Fortini sul piano di zona ambito A4, oppure, altro esempio, il prossimo sblocco dei fondi ex legge 51 (per diverse centinaia di migliaia di euro), che derivano da progetti presentati dalla precedente amministrazione e che, la giunta regionale Caldoro, aveva congelato. Riguardo tali fondi la nostra opposizione sarà inflessibile in fatto di controllo e vigilanza.
Altre considerazioni? Solo qualcuna! Ausiliari del traffico? Offrire lavoro merita rispetto, ma offrirlo per soli cinque mesi, ricorrendo a criteri di selezione quantomeno discutibili, ci lascia scettici e ci induce a pensare che si sia trattato quasi di una lotteria istantanea, a mo’ di “gratta e vinci”, senza rivolgere considerazione alcuna ai titoli ed ai curricula dei candidati. Ultima riflessione sul bilancio comunale che, a detta del Signor Sindaco, doveva essere, causa responsabilità non sue, sull’orlo del dissesto, ma se la sua giunta spende e spande, talvolta anche troppo, (vedi campo estivo 2018, poco proficuo e molto costoso) allora vuol dire che, come tante altre diffuse a mero scopo di propaganda, si è trattato solo di “fake news”.
Aspettiamo più fatti e molti meno annunci!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.